IL PRESENTE BLOG RIPORTA E SOPRATTUTTO TRADUCE INFORMAZIONI INTERNAZIONALI SULLA SALUTE E BENESSERE CON MEZZI E RIMEDI NATURALI E NON CONVENZIONALI, PRESE SOPRATTUTTO DALLA RETE E I CUI AUTORI SONO MEDICI E PROFESSIONISTI DELLA SALUTE E RICERCATORI. SEGNALA ALTRESI POLITICHE ... "NON PROPRIAMENTE SALUTISTICHE" NEI CONFRONTI DELLA RAZZA UMANA, CHE CI STA A CUORE, SEBBENE CONSAPEVOLI CHE NON SIA LA SOLA INTORNO A NOI. SONO SEMPRE CITATE LE FONTI A CUI SI PREGA DI FARE RIFERIMENTO PER ULTERIORI DETTAGLI. NON SI ACCETTANO COMMENTI VOLGARI, DIFFAMATORI E AMBIGUI. NON E' UNO SPAZIO PER LA DISINFORMAZIONE.

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

DISPOSITIVO QXCI: ANTISTRESS E RIEQUILIBRIO EMOZIONALE

DISPOSITIVO QXCI: ANTISTRESS E RIEQUILIBRIO EMOZIONALE
"Ho scoperto che l'inconscio dei pazienti, è un sistema molto profondo e intelligente, molto piu' intelligente delle mente verbale, che è come un bambino che cerca di comprendere le cose". dr Nelson

venerdì 16 luglio 2010

DEPURARE IL FEGATO: AIUTA A FARE PROGETTI

"Il fegato processa il sangue, parte del quale è carica di tossine inalate al posto dell’aria fresca. Immagazzina il più possibile di queste tossine, perchè cosi non circolino nel corpo, ma se il carico è troppo, il fegato non ce la fa a gestire i compiti e la pelle diventa cosi un organo di eliminazione. Aggiungete un paio di punture di zanzara alla equazione e siamo arrivati al culmine.

Se cerchiamo di detossificarci in fretta, il fegato butta fuori le tossine che quindi vanno più in fretta in nella circolazione, più velocemente di quanto possano essere eliminate ecco perché il rossore, la follia e la cattiva disposizione d’animo..

Il trucco è detossificare esattamente al ritmo che il proprio corpo può gestire e questo varia enormemente da persona a persona e da periodi a periodi.

Il mio suggerimento generale perciò è cominciare con una bassa dose ed incrementare gradualmente.

Se uno pensa di dover prendere più erbe perché l’esposizione al problema è stata alta, c’è il rischio che il ritmo sia insostenibile. Intendo con questo che è meglio fare un detox lento in 18 mesi piuttosto che tentare di correggere in poche settimane decenni di esposizioni a tossine

Da una depurazione dovremmo aspettarci che i vantaggi più significativi arrivino nei primi due mesi, ma  è bene osservare delle fasi.
La prima: meno irritabilità e più energia.
Poi dovrebbe essere più chiarezza e attenzione e probabilmente miglioramento della vista, con minore astigmatismo.
Verso la fine dovrebbe comparire decisionalità ed interesse nel futuro .

Nei tempi in cui avevo la mia clinica, ero solita togliere le persone dal protocollo di depurazione quando entravano nel mio ufficio dicendo “Sa cosa ho deciso?”.

E’ veramente difficile fare dei progetti quando il fegato è congestionato e intossicato.

Tanto più intossicate sono le persone, tanto più tendono a parlare di persone in termini di relazioni. Per esempio una madre può dire: “Mio figlio ha un’eruzione”. Quando la madre è meno intossicata, si riferisce al figlio , chiamandolo per nome; anche se molti non ci crederanno se non vedendolo, la ragione di questo è che il “fuoco” si focalizza e questo promuove maggior senso di indipendenza. Questo consente che gli altri siano collegati a noi ma non incollati al cordone ombelicale… "

by Ingrid Naiman, http://www.sacredmedicine.com/
traduzione Cristina Bassi http://www.thelivingspirits.net/

domenica 11 luglio 2010

LA STRANA MORTE DI UN GIOVANE GENOVESE: MORGELLONS?

"Morto giocando a calcio, la tragedia diventa un giallo"Titola il SECOLO XIX, il 29 giugno 2010:

"Aveva lo stomaco perforato da un piccolo oggetto filiforme, lungo circa mezzo centimetro, il giovane di 20 anni, Nicolò Scotto, di Ceranesi (Genova), morto all’improvviso la sera di sabato scorso mentre giocava a calcetto con alcuni amici a Campomorone (Genova).

È il sorprendente esito dell’autopsia compiuta stasera dal professor Francesco Ventura. Non si è trattato, quindi, di un improvviso attacco cardiaco come si era pensato in un primo momento.
Il frammento trovato nello stomaco del giovane sarà ora sottoposto a nuovi esami microscopici per accertarne la natura. La piccola perforazione gastrica, di circa quattro millimetri, aveva anche provocato un’emorragia. I familiari del giovane hanno riferito al medico legale che Nicolò Scotto non stava bene da alcuni giorni, era più stanco del solito ed era pallido.

A questo punto la Procura della Repubblica proseguirà l’inchiesta per accertare le cause della morte, inizialmente attribuite ad un infarto".
La prematura morte potrebbe essere stata provocata da un filamento identificabile con le fibre collegate al Morgellons? Le notizie sono frammentarie e mancano aggiornamenti sulle possibili cause della tragedia, ma pare che qualcosa di inquietante sia accaduto.

DA NON PERDERE (PER PIU' DI UNA RAGIONE...)!! 














una intervista esclusiva : http://www.tankerenemy.com/2010/07/intervista-ad-una-paziente-italiana.html :.

con una una donna italiana, colpita dal Morgellons
Nel ringraziare questa coraggiosa testimone, che ha descritto con dovizia di particolari sintomatologia e decorso della sindrome di origine nanotecnologica, rammentiamo che, per ora, è stata eseguita in Italia un'unica diagnosi ufficiale di Morgellons, poiché i medici, pur a conoscenza dell'affezione, non appena una persona accenna ai sintomi della malattia, si chiudono a riccio, rifiutando sia di analizzare i filamenti sia di prescrivere esami ad hoc, per liquidare il tutto come delirio o, nella migliore delle ipotesi, come parassitosi.

Certamente si deve escludere l'eziologia psicosomatica del Morgellons, poiché ne soffrono pure gli animali ed in quanto le fibre polimeriche, estruse dalle ferite, sono tragicamente reali e identiche ai filamenti di ricaduta rinvenuti in seguito alle attività di aerosol clandestine.

"Ricordiamo, come avverte tra gli altri, lo scienziato statunitense Clifford Carnicom, che siamo tutti contaminati: il problema non è per nulla da sottovalutare, giacché il Morgellons, non circoscritto a "pochi" malati, potrebbe, da un momento all'altro, sfociare in un'epidemia"

Fonte: http://www.tankerenemy.com/