IL PRESENTE BLOG RIPORTA E SOPRATTUTTO TRADUCE INFORMAZIONI INTERNAZIONALI SULLA SALUTE E BENESSERE CON MEZZI E RIMEDI NATURALI E NON CONVENZIONALI, PRESE SOPRATTUTTO DALLA RETE E I CUI AUTORI SONO MEDICI E PROFESSIONISTI DELLA SALUTE E RICERCATORI. SEGNALA ALTRESI POLITICHE ... "NON PROPRIAMENTE SALUTISTICHE" NEI CONFRONTI DELLA RAZZA UMANA, CHE CI STA A CUORE, SEBBENE CONSAPEVOLI CHE NON SIA LA SOLA INTORNO A NOI. SONO SEMPRE CITATE LE FONTI A CUI SI PREGA DI FARE RIFERIMENTO PER ULTERIORI DETTAGLI. NON SI ACCETTANO COMMENTI VOLGARI, DIFFAMATORI E AMBIGUI. NON E' UNO SPAZIO PER LA DISINFORMAZIONE.

DISTURBI

SUCCEDE... CHE SU CERTI POST, COMPAIANO DELLE SOVRASCRITTE. I LETTORI COMPRENDERANNO...

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

QXCI-SCIO: FREQUENZE PER IL RIEQUILIBRIO ENERGETICO CORPO-MENTE E ANTISTRESS

QXCI-SCIO: FREQUENZE PER IL RIEQUILIBRIO ENERGETICO CORPO-MENTE E ANTISTRESS
"Ho scoperto che l'inconscio dei pazienti, è un sistema molto profondo e intelligente, molto piu' intelligente delle mente verbale, che è come un bambino che cerca di comprendere le cose". dr Nelson

venerdì 27 novembre 2009

ALCUNI OLII ESSENZIALI PER LA STAGIONE INFLUENZALE


RAVENSARA. Origine: Madagascar.
Proprietà Antimicrobiche (antibatteriche, antimicotiche, antivirali), antinfiammatorie, espettoranti, neurotoniche.
Indicazioni: Bronchiti, influenza, sinusite, pertosse, rinofaringiti, varicella, herpes zoster, enteriti virali, epatite virale, insonnia, astenia muscolare.
Note:  Ha notevoli proprietà antivirali ed è considerato un ottimo tonico nervino. Si utilizza nell’influenza (molto potente), per tutti i virus respiratori, nella mononucleosi e nell’insonnia (libera il naso e facilita il sonno).


TIMO, THYMUS VULGARIS,
Origine: regioni del Mediterraneo.
Proprietà: Antinfettive, antinfiammatorie, battericide, ormone-simili, immunostimolanti (aumento delle IgA), neurotoniche, antivirali.
Indicazioni: Influenza, bronchiti, sinusiti, rinofaringiti, otiti, uretriti, cistiti, Clamydia, dermatiti, artriti, tendiniti, astenia nervosa.

PINO SILVESTRE
Origine:
Conifera sempreverde a distribuzione boreale
Proprietà: Analgesiche, antibatteriche, antimicotiche, antinfettive generali, antinfiammatorie, antisudorifere, balsamiche, simil-cortisoniche, simil-insuliniche, simil-testosteroniche, decongestionanti, espettoranti, ipertensivelitolitiche, neurotoniche, rubefacenti.
Indicazioni:  Gastralgie, addominalgie, affezioni reumatiche, affezioni respiratorie (asma, bronchiti, raffreddori, influenza, polmonite, sinusite, tracheite, tubercolosi), infezioni urinarie (cistiti, prostatiti, uretriti), sudorazione di piedi, congestione linfatica, congestione pelvica, ipotensione, diabete, litiasi biliare, astenia generale, oligospermia, sclerosi multipla, impotenza.

BASILICO, OCINUM BASILICUM
Origine: Originario dell’Asia tropicale e del Medio Oriente, ma è da tempo coltivato in Europa.
Proprietà: Antidepressive, antisettiche, antispastiche, carminative, emmenagoghe, espettoranti, febbrifughe, galattogoghe, nervine, stimolanti la corteccia surrenale, stomachiche, toniche.
Indicazioni: Mialgie, oligomenorrea, raffreddamenti, influenza, astenia mentale, tensione nervosa, esaurimento nervoso, emicrania, perdita di concentrazione, ansietà, depressione.
Note: Dalle isole Comoro proviene una varietà di olio, nota come “esotica”, con un alto contenuto di estragolo. L’aromaterapia medica francese ne consiglia l’impiego nel caso di epatite A, B e C, nella febbre gialla e altre virosi tropicali. Dalle regioni mediterranee, invece, proviene la varietà a linalolo, più tollerata e meno tossica, ma anche meno forte.

Fonte: http://www.dottorperuginibilli.it/index.php/aromaterapia/105

mercoledì 18 novembre 2009

AGGIORNAMENTI EPIDEMIA UCRAINA: NON E' POLMONITE


intervista con il Prof  Victor Bachinsky,
M.D. medico legale nella regione di Chernivtsi in Ucraina. Insegna anche al Dipartimento di Anatomia e Medicina Legale all'Accademia Medica di Stato di Bukovynian.
Global Research,

November 15, 2009

FONTE:
http://www.globalresearch.ca/index.php?context=va&aid=16088
Traduzione Cristina Bassi


Unian News Agency (Ukraine), Russian original. Infowars Ireland (English translation)
Tradotto dal russo, prima pubblicazione inglese di Infowars Ireland]. Si veda anche: http://saluteolistica.blogspot.com/search?q=ucraina

 "Sulla base delle autopsie siamo arrivati alla conclusione che non si tratta di polmonite, ma insufficienza cardiopolmonare e shock cardiogenico... Il virus entra direttamente nei polmoni, c'è emoraggia. Non si dovrebbero usare antibiotici..

Perchè abbiamo un alto tasso di mortalità nel paese?

Perchè le persone vanno in farmacia per prendere medicine anzichè andare dai loro medici per essere curati. No non è una peste polmonare. Fesserie...gli antibiotici non servono. Chi ha un forte sistema immunitario sopravviverà. Chi lo ha debole soccomberà alla malattia...Le mascherine danno il 30% di protezione extra. Portare gli occhiali da un ulteriore 10% di protezione, ovvero il 40%, perchè il virus penetra le membrane mucose.

Il capo dell'ufficio legale regionale di Chernivtsi, il Professor Victor Bachinsky M.D. fa una affermaizone forte: tutte le vittime del virus in Bukovina (22 persone tra i 20 e 40 anni) non sono morte per polmoniote bilaterale (doppia), come inizialmente si pensava, ma come risultato di una sindrome da stress virale, ovvero per totale distruzione dei polmoni.

Professore, lei ha detto precedentemente che il virus, per cui sono morte molte persone, è un misto di tipi di parainfluenza e influenza A/H1N1. Come curate questa malattia?

La questone su come trattare questo virus non è mia competenza. Io sono un patologo. Ho solo trovato di cosa si tratta ed ho fatto una diagnosi esatta. E' importante fornire il trattamento corretto basato sulla diagnosi. In medicina ci sono severi protocolli e stradard di trattamento. Se un medico tratta un paziente che muore, i suoi parenti possono fare lamentele e dire di non essere stati trattati in modo appropriato, di aver ricevuto una diagnosi sbagliata. Il Ministero della Salute ha stabilito i protocolli ed il trattamento standard per ogni diagnosi. Se c'è una diagnosi corretta anche il trattamento dovrebbe essere corretto...

Nella regione di Chernivtsi sono morte 18 persone. Abbiamo studiato tutta a storia ed evidenza di questa malattia, preclinica, clinica, rianimazione. Quando facciamo una autopsia, su organi e tessuti si fanno studi istologici (analisi cellulare);abbiamo concluso che non si è trattato di polmonite e che non ha nessuna relazione con essa.
Questi risultati sono a fondamento perchè i medici che trattano questa malattia in Ukraina possano cambiare le loro tattiche e standards di cura.

Si può curare questo virus?
Dipende dal sistema immunitario. Se il sistema immunitario di una persona è forte, la supereranno. Ci sono persone che portano questo ceppo di H1N1 e restano sui loro piedi e non si rendono nemmno conto di essere malati.

Gli antibiotici non devono essere assolutamente presi: è a causa loro che abbiamo questo alto tasso di mortalità e di infezione in questo paese, perchè le persone vanno in farmacia, descrivono i loro sintomi al farmacista e chiedono medicine: comprano antibiotici e li prendono; questo abbassa il loro sistema immunitario e come risultato si ammalano. Se come accade per altri paesi, queste medicine fossero solo su prescrizxione, questo non sarebbe accaduto. Il fatto di conporare antibiotici al banco, senza prescrizione, ha causato molto danno al paese.

Durante le autopsie come apparivano i polmoni? Erano veramente neri, ragion per cui hanno dato vita alla voce di "peste polmonare"?
No, non sono neri...Questa non è è una peste polmonare. Sono tutte fesserie. La peste polmonare ha una morfologia completamente diversa. Per esempio abbiamo 60mila persone che si sono ammalate e 23 sono morte. Con la peste polmonare , avremmo un tasso di mortalità di 59mila...
Questo è un attacco virale che distrugge i polmoni.

Si rileva se non solo in Bukovina, ma anche in tutta l'Ucraina le persone non siano morte per la polmonite ma per questo ceppo tossico?
Si, non è polmonite! Questa distruzione dei polmoni, questo ceppo è molto tossico e se il sistema immunitario è debole, insorge emoraggia nei polmoni. Nei polmoni c'è una piccola struttura- acini-che sembra un grappolo di uva. Quando si respira, l'ossigeno entra in questo "grappolo d'uva"(alveoli polmonari). Alla perficie degli acini ci sono i capillari, dove le cellule dei globuli rossi si saturano di ossigeno e danno sangue , che rifornisce tutti i tessuti e gli organi del corpo.

Una volta che il virus entra nei polmoni, inizia subito una emoraggia negli acini. Una continua emoraggia...dura parecchie ore. Nel sangue si forma la fibrina e da questa una membrana che assomiglia ad un sacchetto di platica. Questo avvolge gli acini e la persona inspira ossigeno ma non è trasferto ai tessuti. Cosi la persona ansima.
C'è una insufficienza cardio-polmonare ed uno shock cardiogenico, di cui le persone muoiono e non c'è polmonite. La polmonite, è una infiammazione che viene trattata con antibiotici, ma gli antibiotici non possono essere di aiuto a nessun livello. Ci deve essere assolutamente un altro trattamento.

Il Tamiflu può servire?
Questo non è un antibiotico, ma una medicina antivirale, somministrabile il secondo o terzo giorno della malattia, ma non può essere usata come un preventivo perchè è tossico

Quali i modi migliori per resistere alla malattia? Consigliabile usare una maschera, aglio, vitamina C?
E' necessario migliorare il sistema immunitario. Non solo ora ma in generale.
Aglio, cipolle, rosa canina... ed altri. Molte persone in Ucraina fanno la spesa in mercati aperti. Se potessimo evitare i mercati aperti , minor numero di persone sarebbero in contatto tra loro e più vite sarebbero salvate.

Perchè fino ad ora nessun altro sa di questa malattia? Quali sono gli specialisti-guida nel Mistero della Salute che stanno facendo tutto questo ora?
Forse questo dipende dal fatto che ci sono scienziati che lavorano su basi puramente teoriche. E ci sono scienziati che hanno visto i risultati da autopsia. Io svolgo la mia professione come capo dell'ufficio legale regionale e come professore. Il fatto che abbiamo definito questa diagnosi, non va solo a mio credito e non è la mia opinione personale. Qeusta è l'opinione di specialisti, morfologi e medici in Bukovina. Ci sono 5 professori nel nostro gruppo. Io semplicemente dirigo il gruppo.

domenica 15 novembre 2009

UN PEDIATRA SUI VACCINI: NON E' VERO CHE SONO INNOCUI


Da Mercola.com in sintesi traduco una intervista del dr Mercola al Dr. Larry Palevsky, un pediatra americano che ha fatto i suoi studi alla New York School of Medicine.

"Mi spezza il cuore vedere come molti di questi bambini dallo sviluppo normale e che stavano procedendo bene e parlavano, poi d'improvviso hanno perso la voce e il contatto attraverso gli occhi e a cui sono sopraggiunti attacchi epiletttici, che hanno sviluppato allergie, asma, senza sapere dove andare perchè i loro medici dicevano loro che non sapevano di cosa stavano parlando... Questi bambini sono reali.

La letteratura dimostra che ci sono cambiamenti nel sistema immunitario dei bambini che questi vegono vaccinati, soprattutto se vaccinati prima del primo anno di età o addiritura quando hanno un giorno.

Questa letteratura è disponibile ed è buona letteratura scientifica ed indica che sempre di più questi bambini che soffrono di malattie croniche, soffrono di indebolimento del loro sistema immunitario.

Sia che i vaccino siano la causa o contribuiscano al problrma, la letteratura indica che c'è un ruolo che i vaccini svolgono nel creare il terreno per i sistemi immunitari di questi bambini che inizia a mostrare segni di depauperamento e di distruzione.

… quando guardo agli studi della American Academy of Pediatrics e del CDC che dicono che non c'è correlazione tra la vaccinaizone e l'autismo, o tra la vaccinaizone e l'asma, devo dire che tali studi non sono all'altezza degli standard scientifici.

Non potete avere 25 bambini in questi studi e poi riportare che questo prova che non esiste correlazione tra alcun bambino con autismo e il fatto che sia stato danneggiato dal vaccino. Questo è ciò che fanno i media: loro arrivano a queste conclusioni, le sbattono in prima pagina sui giornalie poi dicono "i vaccini non causano autismo".

Quando veramente guardate agli studi – e non c'è un appropriato gruppo di controllo e ci son solo 25 persone – non potete fare una affermazione generalizzata sulla popolazione, perchè avete studiato 25 bambini

Emerge sempre di più che i molti e molti studi compiuti mostrano che:
- non si sono fatti studi appropriati
- gli anticorpi non sono il modo ultimo con cui il corpo si protegge
- c'è una differenza tra come i bambini processano le sostenze via aria e via cibo rispetto a come lo fanno attraverso le iniezioni
- ci sono particelle nei vaccini che si accumulano nei corpi e causano impoverimento del sistema immunitario
- ci sono particelle nei vaccini che arrivano al cervello e
- ci sono particelle di DNA estraneo che entrano nel corpo

Per molti professionisti della salute è uno shock scoprire che c'è una tale mancanza di informazione sulla sicurezza ed efficacia, quando c'è una mole crescente di informaizoni che veramente solleva sospetti sulla sicurezza ed efficacia dei vaccini e sul fatto se questi siano o meno stati studiati in modo appropriato"

giovedì 12 novembre 2009

IL MIRACOLO DIABOLICO DELLA MEDICINA MODERNA...


IMPERATRICE NUDA:
L’attuale “scienza medica”, dinanzi alla quale s’inchinano popoli e governi, è immaginata come una dea onnipossente e bellissima su cui non devono permettersi di alzare lo sguardo. Se avessero il coraggio di farlo, vedrebbero che la loro imperatrice è nuda e orrenda. Solo Hans Ruesch, l’autore di un romanzo come “Paese dalle ombre lunghe” - di cui si sono vendute finora due milioni e mezzo di copie in tutto il mondo - poteva scrivere questo libro.

Imperatrice nuda è una spietata, documentatissima requisitoria contro la cosiddetta “ricerca” attuale, impostata su un metodo che l’autore, insieme con un gran numero di medici e scienziati tra i più eminenti, considera non solo disumano ma antiscientifico: quello sulle prove sugli animali, che oltre ad essere crudelissime, sono controproducenti, perchè inattendibili.
Ossia forniscono continuamente informazioni errate, con grave danno per l’umanità e ad esclusivo beneficio di chi fabbrica e smercia la pletora di sempre nuovi prodotti, autorizzati appunto in base a tali prove fallaci, finchè si rivelano dannosi. Allora vengono rimpiazzati da altri prodotti, non meno dannosi perchè perfezionati con la medesima metodologia. Alla base di tutto, meschini interessi pecuniari, ma anche altro. Impressionante la documentazione presentata dall’autore perchè ricavata da quanto pubblicato o dichiarato ufficialmente dagli stessi responsabili: quindi irrefutabile.
"Il vero miracolo della medicina moderna è diabolico. Consiste nel far sopravvivere non solo gli individui, ma intere popolazioni, a livelli disumanamente bassi di salute personale". Illich
" Ciò che inquina la ricerca medica – oltre all’inerzia accademica, comune del resto a tutto il sapere istituzionale – è il condizionamento da parte di interessi non secondi a nessun altro per volume di affari e internazionalità. Questa non è un’esagerazione. L’industria farmaceutica costituisce il più redditizio degli investimenti, e di gran lunga – più di banche, finanza, petrolio, editoria, bevande e quant’altro.

Un’industria che gode di una tale supremazia economica, e che di fatto influenza direttamente e pesantemente la politica delle cosiddette ‘democrazie occidentali’ (a cominciare dalle elezioni presidenziali negli Stati Uniti), non cambia facilmente la propria rotta, anche se è una rotta di collisione con gli interessi della collettività. Così, per salvaguardare questa supremazia si corrompono e ricattano ricercatori e riviste, si nascondono per anni o decenni i dati scomodi, si prosegue con l’avvelenamento farmacologico di massa, e nel contempo si inebetisce l’opinione pubblica con una martellante propaganda sui benefici della ricerca biomedica, la quale è invece direttamente coinvolta in quell’avvelenamento.

Con tutto ciò, non si deve credere che l’industria farmaceutica sia onnipotente. Nessun potere è onnipotente se i cittadini si mobilitano contro di esso in nome dei propri interessi vitali. Ma a tale scopo occorre che siano consapevoli di chi sia il nemico e di come combatterlo.


Imperatrice nuda dà un fondamentale contributo in tal senso. La sperimentazione animale a scopo medico – la vivisezione – ha portato fuori strada la medicina in innumerevoli occasioni, con danni difficili da sopravvalutare. Se è ancor oggi un elemento centrale nella valutazione di efficacia e tossicità dei farmaci e di altre sostanze chimiche, lo si deve alla sua estrema ‘flessibilità’, intesa come la capacità di ottenere i risultati più favorevoli ‘su ordinazione’, e di permettere allo stesso tempo un alleggerimento delle responsabilità dell’industria nei casi, fin troppo frequenti, di danni sulle persone (“Dai risultati ottenuti mediante i test sugli animali non era possibile prevedere l’effetto tossico...”).

Per rendersi conto dell’entità del problema, basterà riflettere sulla circostanza che la “reazione avversa da farmaco” (cioè l’avvelenamento dovuto a un farmaco correttamente prescritto) è negli Stati Uniti la quarta causa di morte. E se questa posizione elevata nell’infelice graduatoria sorprende, basterà citare un caso recente, quello di un antiartritico della Merck, il Vioxx, commercializzato a partire dal 1999 e ritirato solo poche settimane fa. Esso, da solo, ha provocato morti per un numero stimato attorno a 28.000 (ventottomila) – per intenderci, dieci volte il numero delle vittime degli attentati dell’11 settembre 2001 alle “Torri Gemelle” di New York.

Una guerra al ‘terrorismo farmaceutico’ sarebbe tanto giusta e, anzi, necessaria, quanto sono state illegittime e controproducenti quelle scatenate contro Afghanistan e Iraq. Ma si può star certi che nessun presidente degli Stati Uniti la dichiarerà mai. Sono le stesse case farmaceutiche, in primo luogo, ad avergli permesso di occupare il suo posto".

DA: http://www.dmi.unipg.it/~mamone/sci-dem/scidem.htm

mercoledì 4 novembre 2009

UCRAINA E LA MISTERIOSA PANDEMIA...


da: http://www.edicola.biz

"In Italia la notizia non è ancora circolata, ma da qualche settimana una nuova epidemia ad opera di un virus sconosciuto sta seminando il terrore nella Ucraina occidentale.
Nella seconda metà di Ottobre 09 il nuovo virus ha ucciso più di una trentina di persone. Quarantamila sarebbero gli ammalati. Analogamente al famigerato A-H1N1, anche questo virus causa una infezione acuta al sistema respiratorio, ma le autorità escludono si tratti dell’influenza suina. Nella regione di Ternopil, il 25% dei medici entrati in contatto con i malati si sono ammalati a loro volta. La nuova malattia sarebbe quindi altamente infettiva, ma scarsamente letale. Nella regione è stata annunciata una sorta di quarantena, invitando i cittadini a non uscire di casa se non per motivi gravi. Per strada, la polizia già indossa mascherine protettive. I farmaci antivirali sono ormai introvabili nelle farmacie, davanti alle quali si formano lunghe code e a Leopoli ora non si troverebbero più neppure le mascherine.

L’epidemia ha ora raggiunto la città di Chernivtsi, sud-ovest dell’Ucraina, ad un passo dalla Romania.

Nel frattempo, proseguono in occidente le controverse vaccinazioni contro un virus H1N1 che invece sta causando meno danni del previsto. Le vaccinazioni di massa vengono fatte con vaccini poco testati contenenti adiuvanti generalmente ritenuti dannosi per la salute. In Italia va per la maggiore il Focetria di Novartis mentre in Germania si usa Pandemrix della Glaxo SmithKiline, entrambi vaccini contenenti i discussi adiuvanti.

(...) otto mesi fa la Baxter inviò a 18 laboratori in tutta Europa 72 chili di una base per la comune influenza stagionale contenente virus vivi dell’influenza aviaria, un episodio gravissimo che difficilmente si può ascrivere ad un errore (cose del genere non possono accadere per sbaglio in laboratori soggetti a standard di sicurezza BS3, bio-safety level 3) e sul quale oggi tutti i media hanno steso una colpevole coltre di silenzio (In Austria, dove è avvenuto il fatto, qualcuno cerca di portare in giudizio la Baxter per questa vicenda, con l’accusa di tentato genocidio).

Sarà per tutte le suddette ragioni che il governo di Obama ha da poco approvato una legge che manleva i produttori farmaceutici da qualsiasi responsabilità giuridica in merito ai danni alla salute provocati dai loro vaccini?

Da http://www.bloomberg.com/apps/news?pid=20601087&sid=aho.pJfVAysE&pos=9

2 Novembre 09( Bloomberg ) - L'OMS [ Organizzazione Mondiale della Sanità, ndt ], ha oggi inviato una squadra di esperti in Ucraina per indagare sullo scoppio di un disturbo respiratorio che ha colpito 250.000 persone ed ha ridotto le farmacie senza mascherine o rimedi per l'influenza.

Un gruppo di epidemiologi, medici, tecnici di laboratorio e consulenti della comunicazione (??? ndr) è previsto arrivi stasera a Kiev, così ha detto oggi Gregory Hartl, portavoce OMS a Ginevra, in un'intervista telefonica.

L'Ucraina fronteggia un'esplosione epidemica di malattie di tipo influenzale che ha ucciso almeno 67 persone e ne ha infettate almeno 250.000, come risulta da dati forniti dal ministro alla salute Vasyl Lazoryshynets.

ll governo dell'Ucraina ha chiuso le scuole ed ha proibito riunioni pubbliche; in 4 dei 10 distretti di Kiev la maggior parte dei negozi ha messo sulle vetrine dei cartelli scritti a mano con la dicitura " mascherine finite".

(...) " La gente si sta affidando ai rimedi popolari quali cipolle ed aglio " così' ci ha detto in una intervista telefonica. Aglio e limoni, che vengono ora usati anche come rimedi antinfluenzali, adesso scarseggiano nella città di Cherasky, Ucraina centrale e nella scorsa settimana il prezzo dei limoni al chilo è quadruplicato a 50 hryvnia (pari a 6.10 dollari USA).

In una conferenza stampa tenuta oggi a Kiev, Lazoryshynets ha detto che circa 15.000 persone sono in trattamento nei diversi ospedali dell'Ucraina - che ha chiesto medicinali antinfluenzali ai paesi vicini, agli USA, all'Unione Europea ed alla NATO.

Polonia e Slovacchia hanno inviato all'Ucraina mascherine protettive ed il Tamiflu prodotto dalla Roche Holding AG, dopo che il Presidente Viktor Yuschenko ha detto che il paese non può combattere da solo un'esplosione pandemica di influenza, come da dichiarazioni da fonti governative.

(...) " E' un pò come in Messico all'inizio " così ha detto John Oxford, Professore di virologia al Queen Mary’s School of Medicine and Dentistry di Londra, aggiungendo che le autorità dell'Ucraina potrebbero non avere le risorse scientifiche per seguire da vicino l'esplosione pandemica.

(...) Una analisi dei primi dati dall'insorgenza pandemica suggerisce che i casi gravi e le morti si siano verificati in Ucraina fra adulti di età compresa fra i 20 ed i 50 anni - dati forniti dal centro OMS di Ginevra.

(...) Al di là del Mar Nero, si dice che anche la Bulgaria sia stata colpita dall'epidemia influenzale : scuole chiuse, riunioni in pubblico proibite - lo riferisce la Sofia News Agency, citando Angel Kunchev, capo del dipartimento controllo e comunicazione malattie del Ministero della Salute.

domenica 1 novembre 2009

NO AL VACCINO ANTI -AH1N1 : PAROLA DI MEDICI!


"Come medici ci teniamo ad esprimere la nostra determinata contrarietà alla campagna vaccinale contro il virus dell’influenza Ah1n1;e ciò per varie ragioni che succintamente elenchiamo.

1)Come oramai evidente questa forma influenzale è più blanda ed ha rischi di mortalità nettamente inferiori all’influenza stagionale;non vi è quindi alcuna evidenza scientifica che giustifichi il ricorso ad una campagna vaccinale.

2)Sono ben maggiori i rischi di morbilità che correranno le persone che si sottoporranno a vaccinazione, sia perché i vaccini, per i tempi stretti, non sono stati sottoposti ad adeguata sperimentazione, sia perché contengono diversi adiuvanti,a seconda delle varie case produttrici, come alluminio, squalene, MF59,che possono dare importanti effetti collaterali come lupus,sclerosi multipla, fibromialgia,artrite reumatoide…

3)Risulta evidente l’operazione commerciale a diffusione planetaria artatamente orchestrata dalle multinazionali del farmaco, di certo ben poco attente alla salute dei cittadini.

4)Risulta evidente come la maggior parte dei governi si siano inchinati agli interessi di tali multinazionali, nello stesso tempo alimentando quel clima di paura,questa sì pandemica, che, come ben sappiamo, è importante per perpetrare ottundimento, addomesticamento e controllo sociale.

5)Risulta evidente l’enorme sperpero di danaro pubblico in un’iniziativa sanitaria certamente più dannosa che inutile.

Per tali motivi da una parte auspichiamo prese di posizione come la nostra anche da altri medici, operatori sanitari,responsabili isituzionali; dall’altra invitiamo la popolazione ad esercitare intelligenza ed autonomia di pensiero, non ricorrendo a tale vaccinazione che, ricordiamo, non è obbligatoria.

Così ogni fiala di vaccino rimasta inutilizzata nei vari presidi sanitari sarà un chiaro segnale di rifiuto della mercificazione e della speculazione sulla salute individuale e collettiva"
dr.sa Susanna Beira Bertali, medico foniatra, rwspons. Prov.le AVI TS
dr Marco Bertali, Psichiatra, resp. prov.le AVI- GO
gejambul@libero.it