IL PRESENTE BLOG RIPORTA E SOPRATTUTTO TRADUCE INFORMAZIONI INTERNAZIONALI SULLA SALUTE E BENESSERE CON MEZZI E RIMEDI NATURALI E NON CONVENZIONALI, PRESE SOPRATTUTTO DALLA RETE E I CUI AUTORI SONO MEDICI E PROFESSIONISTI DELLA SALUTE E RICERCATORI. SEGNALA ALTRESI POLITICHE ... "NON PROPRIAMENTE SALUTISTICHE" NEI CONFRONTI DELLA RAZZA UMANA, CHE CI STA A CUORE, SEBBENE CONSAPEVOLI CHE NON SIA LA SOLA INTORNO A NOI. SONO SEMPRE CITATE LE FONTI A CUI SI PREGA DI FARE RIFERIMENTO PER ULTERIORI DETTAGLI. NON SI ACCETTANO COMMENTI VOLGARI, DIFFAMATORI E AMBIGUI. NON E' UNO SPAZIO PER LA DISINFORMAZIONE.

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

DISPOSITIVO QXCI: ANTISTRESS E RIEQUILIBRIO EMOZIONALE

DISPOSITIVO QXCI: ANTISTRESS E RIEQUILIBRIO EMOZIONALE
"Ho scoperto che l'inconscio dei pazienti, è un sistema molto profondo e intelligente, molto piu' intelligente delle mente verbale, che è come un bambino che cerca di comprendere le cose". dr Nelson

lunedì 27 aprile 2009

LA VERA CAUSA DEL REFLUSSO ACIDO

Fonte: http://www.mercola.com/ . Autore: dr Mercola
Traduzione e sintesi, Cristina Bassi


“E’ importante comprendere che il reflusso acido NON è un malessere causato da TROPPA ACIDITA’ , piuttosto da condizioni più collegate all’ernia iatale: uno stato in cui l’acido esce dallo stomaco, dove invece dovrebbe restare.

C’è una valvola tra lo stomaco e il piccolo intestino (int. tenue), che si chiama valvola pilorica. Quando l’acido dello stomaco va oltre la valvola, causa sintomi molto simili a quelli del reflusso acido.
Il bruciore di stomaco, è il sintomi primario del reflusso acido, una sensazione di bruciore che irradia dallo stomaco, alla casa toracica, alla gola. Accade quando il cibo e i succhi gastrici rifluiscono nell’esofago, che è il tubo che porta dalla gola allo stomaco.Tipicamente più fastidioso la notte, tende a verificarsi in connessione a certi eventi come:
Aver mangiato un pasto pesante
Piegarsi in avanti
Alzarsi
Essere distesi, soprattutto supini

Altri sintomi includono:
raucedine
sensazione che il cibo sia fermo in gola
tensione in gola
senso di soffocamento
asma
problemi dentali
alito cattivo

Ad inizio anni 80 il Dr. Barry Marshall, fece del lavoro pionieristico sul riflusso acido. Scopri che un organismo chiamato elicobacter (helicobacter pylori) causava una infiammazione cronica di basso livello, nelle pareti dello stomaco e che era responsabile, o almeno uno dei fattori principali, del verificarsi di molti sintomi di reflusso acido.

Ci sono oltre 16.000 articoli a sostegno del fatto che sopprimere l’acidità di stomaco non tratta il problema vero, ma solo i sintomi. Una delle spiegazioni di ciò è che quando si sopprime la quantità di acido nello stomaco, si diminuisce l’abilità del corpo di uccidere l’elicobacter.

Naturalmente ci sono trattamenti come gli antibiotici, che sono fatti apposta per sradicare quell’organismo. Tuttavia, ho trovato che non è mai necessario usare antibiotici.

La medicina convezionale prescrive Prilosec o Prevacid. Per favore sappiate che sono farmaci molto pericolosi. Potete sviluppare una dipendenza da questi farmaci e quindi non potete smettere di prenderli senza serie ripercussioni.

MODI SANI PER ELIMINARE IL PROBLEMA:
- Eliminare alcol, caffeina, nicotina
- Aumentare la naturale produzione di acido da parte dello stomaco, per esempio mangiando cibi crudi.
-Eliminare sale raffinato dalla tavola e inserire sale Himalayano, che non è raffinato ed è uno dei migliori sul pianeta.
- Prendere degli integratori di acido cloridrico
- Modificare la dieta: mangiare molto cibo raffinato e zuccheri è certamente il modo per esacerbare il reflusso acido, poiché rovescerà l’equilibrio batterico nello stomaco e intestino.
- Mangiare molti vegetali biologici , di alta qualità e coltivati localmente.
- Usare dei probiotici o cibi fermentati, che porteranno equilibrio nella flora batterica intestinale e aiuteranno una naturale espulsione dell’elicobacter.

Ottimizzare i livelli di vitamina D, cosa che potete fare esponendovi alla luce del sole
Fare attività fisica regolarmente, anche questo serve per rafforzare il sistema immunitario, fattore imperativo per combattere tutti i tipi di infezione.

venerdì 24 aprile 2009

PESTICIDI DOMESTICI E NON: CHE DANNO PER LA NOSTRA SALUTE!

Tra i danni più gravi che si ritengano associati all'uso dei pestici, studi recenti annoverano anche il Parkinson (Parkinson's and the Environment -- In-Depth Doctor's InterviewJ. William Langston, M.D., explains how the environment may be a possible cause of Parkinson's disease. March 28, 2005 http://search.ivanhoe.com/archives), che è una delle due grandi patologie neurovegetative legate all’età (l'altra è l'Alzheimer).

Per esempio: il Rotenone - un insetticida e acaricida di origine vegetale, già negli anni ’70 aveva dimostrato di indurre parkinsonismo in tossicodipendenti che lo utilizzavano come droga. Questo insetticida somministrato alle cavie per diverse settimane provoca una degenerazione dei neuroni dopaminergici, con formazione di strutture intracellulari che somigliano molto ai corpi di Lewy (formazioni tondeggianti intracellulari tipiche della malattia di Parkinson). Il rotenone è utilizzato come pesticida nelle coltivazioni di mele, pesche, pere, pesche, patate e vite) e in alcuni Paesi per pulire le vasche da itticoltura. Per la sua origine naturale, il rotenone è anche ammesso in agricoltura biologica. Tuttavia, per via del suo forte impatto ambientale l’Unione Europea ne ha recentemente revocato l’uso. Infatti, è un pesticida poco selettivo, dannoso anche agli insetti utili, come le api, e molto tossico per i pesci. La direttiva europea stabilisce che le scorte di rotenone possono essere smaltite entro il 10.10.09, ma per quanto riguarda le colture della vite, melo, pero, pesco e patata, sarà possibile utilizzarlo fino al 30 aprile 2012 (4). Fino circa 12 anni fa è stato impiegato anche nell’agricoltura biologica e ancora oggi alcuni viticoltori ne fanno uso. Per cui rotenone per tutti ancora per un paio d' anni.

Pare però che i pesticidi che ci becchiamo quotidianamente con l’alimentazione non siano i peggiori per il rischio di Parkinson. Sì, perché recenti studi dimostrerebbero che i rischi maggiori derivano soprattutto dai fitofarmaci di uso domestico. Infatti, molti di noi con troppa disinvoltura fanno uso regolare di insetticidi, erbicidi e pesticidi per liberarsi dagli insetti molesti o perché hanno l’hobby del giardinaggio.

A questo proposito in letteratura viene riportato un caso di una signora americana di mezza età che aveva spruzzato un comune insetticida in tutta la casa per uccidere gli odiati e fastidiosi insetti. Nel giro di 1-2 giorni manifestò un Parkinson in piena regola e anche grave. Ospedalizzata d’urgenza fu visitata da una schiera di neurologi piuttosto perplessi dato che per arrivare ad uno stadio così grave la malattia avrebbe dovuto impiegare degli anni. Dopo diverse settimane di degenza, la donna guarì bene. Tornata a casa, però, ci vollero pochi giorni per un nuovo drammatico aggravamento. A questo punto i neurologici capirono che a scatenare la malattia era stata l’esposizione al pesticida casalingo. Prima di tornare nuovamente a casa, la donna diede disposizione ai famigliari di bonificare tutta la casa, ma servì a poco. Nuovamente a casa, anche i minimi residui del pesticida ancora presenti furono sufficienti a scatenare una ricaduta della malattia. Alla fine, la donna dovette vendere la casa. Una cosa interessante è che il marito pur esposto allo stesso veleno non manifestò mai i sintomi della malattia.

Secondo gli esperti questo dimostrerebbe che esiste una certa sensibilità personale alle sostanze chimiche .

Fonte: dr Perugini Billi, http://www.dottorperuginibilli.it/index.php?option=com_content&task=view&id=286&Itemid=123

martedì 21 aprile 2009

MIRTILLI & FRAGOLE: BENE PER COLESTERO, CUORE E DIABETE...

Seguire una dieta a base di MIRTILLI si dice sia di aiuto per perdere grasso addominale collegato a problemi cardiovascolari e diabete.
Secondo uno studio presentato alla conferenza di Biologia Sperimentale 2009, una dieta ricca di mirtilli abbassa i livelli di colesterolo nel sangue mentre migliora il controllo del glucosio e della sensibilità alla insulina, abbassando cosi il rischio di future malattie cardiache e di diabete.
E' stato anche detto che la dieta è efficace nel sciogliere grasso addominale, che è un importante fattore rischio per condizioni molto serie come le problematiche cardiache. L'elevato contenuto di antocianine in questa frutta, ovvero antiossidanti che si trovano in frutte e verdure pigmentate di scuro, è il responsabile nell'alterare il modo in cui il corpo immagazzina ed usa il glucosio per scopi energetici. I mirtilli quindi, abbassano il rischio di sviluppare diabete.
Analoghi studi precedenti hanno riportato pariteticamente che bere del succo di mirtillo
migliora il controllo del glucosio e della insulina
in uomini a rischio di malattie cardiache. Quindi assumere regolarmente mirtilli, ci dicono, è efficace nel ridurre il rischio di malattie cardiache e della sindrome metabolica.
Inoltre gli scienziati hanno concluso che seguire una dieta a basso consumo di grassi arricchendola di mirtilli, ha migliori effetti per la perdita di peso corporeo.
Anche le FRAGOLE, non solo fanno bene al cuore ma riducono i livelli di colesterolo, il peso corporeo e fanno da prevenzione all'Alzheimer. Una tazza di fragole contiene 100 mg di Vit C, quasi quanto una tazza di succo di arancia. Questo frutto contiene anche acidi grassi e iodio ed è ricco di Vitamine B2, B5, B6, K, rame, calcio, magnesio (grande il suo contenuto), ferro, zinco, potassio. Aiuta a prevenire il declino delle facoltà motorie e cognitive, che comunemente si associano al'invecchiamento e particolarmente al disturbo dell'Alzheimer
Questo frutto aiuta anche a combattere lo stress e protegge dal disturbo visivo noto come degenerazione maculare. Efficace anche nel trattare gastriti e diarrea e a migliorare le funzioni del fegato.
Sfregare delle fragole sui denti e sulle gengive è utile per rimuovere il tartaro e rafforzare le gengive.

Ma attenzione!...
questo frutto è tra quelli più comunemente associati alle allergie e ai disturbi gastrointestinali. Ha inoltre una notevole quntità di ossalati*, che possono cristallizzare e causare calcoli renali o biliari.
(*=L'acido ossalico una volta ingerito si combina con diversi minerali, formando dei sali che ne impediscono l'assorbimento. Per questa loro capacità di ridurre i minerali a disposizione dell'organismo, gli ossalati favoriscono l'instaurarsi di stati da carenza, come osteoporosi e anemie)
La fragola contiene inoltre goitrogeni che pososno interferire con le funzioni della tiroide. Ecco perchè chi soffre di problemi tiroidei, è bene non consumino questo frutto.

lunedì 20 aprile 2009

LA CUCINA DEL DIAVOLO=LE MANIPOLAZIONI ALIMENTARI

L'autore tedesco Gunther Schwab, in questo testo si riferisce in particolar modo al mercato tedesco e del Nord Europa, ma la globalizzazione consente che gli eventi citati siano proponibili anche nel nostro paese...
Significa che... un'alta percentuale di derrate alimentari, possono essere non genuine e chimicamente alterate, quando arrivano incontrollate sulle nostre tavole.

Il libro, attraverso un divertente gioco narrativo, svela il processo di manipolazione e alterazione chimica subito dai prodotti alimentari che troviamo negli scaffali di negozi e supermercati.
Entra in scena il diavolo in persona per raccontarci come sia riuscito a convincere gli uomini ad anteporre il profitto dell’industria e del commercio al proprio benessere. La Cucina del Diavolo ci mette in guardia dal progresso fittizio della nostra società e, in particolare, da tutto ciò che oggigiorno arriva sulle nostre tavole.
È indubbio che lo svolgersi della nostra vita quotidiana sia facilitato da mille nuove invenzioni: l’automobile, la lavatrice, il computer, il risotto precotto e la cotoletta surgelata… Ma abbiamo davvero migliorato la qualità della nostra vita?Anche se tutto è più comodo, l’uomo è certamente meno sano, continuamente afflitto da mal di testa, insonnia, disturbi nervosi e psichici, allergie, gastriti, coliti e sempre più da sempre nuove malattie croniche e degenerative, finora sconosciute e inguaribili, spesso causate proprio da ciò che si mangia.

E TU… SAI COSA MANGI?

giovedì 9 aprile 2009

MA I VACCINI SONO VERAMENTE UNA RISPOSTA?

Dal sito http://www.bioethika.com/vaccines.html traduco delle note interessanti a proposito di "vaccini". E' una sintesi del testo relativo ad una confernza in un liceo, fatta da Jock Doubleday (http://www.spontaneouscreation.org/index.htm) nel 2003,

La scienza della vaccinazione ha due forme:
1) studi controllati e
2) epidemiologia

L' "Epidemiologia" è lo studio delle epidemie, mentre gli "studi controllati" sono prendere due grandi gruppi di persone, riunirli in ordine di età ed altri fattori e vaccinare un gruppo ma non l'altro. Quindi si fa una comparazione sulla incidenza di malattia in un periodo di molti anni. E' uno studio a lungo raggio. Quelli a corto raggio non danno informazioni sulle vaccinazioni.

Ora la mia domanda: quanti studi controllati, a lungo raggio, esistono che riguardino tutti i vaccini per tutte le malattie nel mondo, dagli albori della scienza? Nessuno. Ergo, se non abbiamo "studi controllati", ci resta l'epidemiologia per darci indicazioni sulla efficacia delle vaccinazioni .

[Dai grafici preparati relativi ai livelli di incidenza delle malattie più famose in USA, Australia e GB] si può notare che in ogni caso è l'immunità naturale che si prende cura della malattia. L'incidenza della malattia scende e scende.. e quindi si introduce il vaccino: alla fine del declino della malattia. Sempre più la vaccinazione acquista un credito per aver sradicato una malattia che in realtà non ha sradicato.

Negli ultimi 5 anni ho parlato con centinaia di medici e nessuno di loro, nelle loro scuole di medicina, aveva mai visto questi grafici. Quando li mostrai loro, dissero: "Questi numeri devono essere sbagliati". Ma queti sono gli unici dati che abbiamo. Sono quelli governativi. Non ce ne sono altri.

Ora sorgono tre domande:
1. Se la vaccinazione non funziona, perchè l'incidenza della malattia è crollata simultaneamente in cosi tanti e vari paesi? La risposta: grazie a misure di sanità pubblica: acque più pulite, migliori condizioni di vita.
2. Perchè ai medici non si mostrano questi grafici epidemiologici nelle scuole di medicina? Questa risposta la lascio a voi...
3. Perchè ai medici non si dice che Edward Jenner, l'inventore dei vaccini e Louis Pasteur, creatore della teoria dei germi erano il "circo" della medicina? Perchè ai mediici non si dice che questi due individui non erano scienziati ma showmen Anche questa risposta la lascio a voi...

Se siete interessati all'imbroglio di Pasteur, leggetevi il libro di Ethel Douglas Hume: "Pasteur Exposed: The False Foundations of Modern Medicine." (Pasteur messo a nudo: i falsi fondamenti della medicina moderna).

Per ciò che riguarda Jenner, invece, leggetevi il libro di Neil Z. Miller: "Vaccines: Are They Really Safe and Effective?" (I vaccini: sono veramenti sicuri ed efficaci?)

I veri scienziati e la vera scienza ci dicono che che l'immunità artificiale è un imperatore senza vestiti. Per quanto concerne la vera scienza, non ci sono prove che dovreste mai vaccinarvi o vaccinare i vostri figli, per nessuna ragione. La scienza ci dice che la malattia esiste e che le vaccinazioni non sono la risposta.

mercoledì 1 aprile 2009

CARENTE DI MINERALI? SCOPRILO CON UN TEST...


Nel seguito il link ad un utile TEST gratuito tratto dal sito di naturopatia http://www.naturopataonline.org/ . Il test si basa sul mineralogramma sintomatico. Tutte le funzioni biologiche del nostro corpo avvengono grazie a delle reazioni chimiche tra i minerali . Quando vi sono dei sintomi nel soggetto significa che almeno uno dei minerali che interviene in quella particolare reazione chimica è carente. A seconda del numero di volte che il singolo minerale viene richiamato si può risalire quindi a quelli che sono deficitari.


"Come tutti sanno, il nostro corpo è costituito in buona parte da minerali (Zinco e Calcio in primis) ed eventuali carenze possono determinare molti problemi funzionali e spesso anche organici. I sintomi sono le manifestazioni più evidenti di queste carenze. Logicamente lo studio di questi segnali (sintomi) che il corpo ci manda ci aiuta a scoprirne le cause (minerali carenti) e quindi a correre ai ripari attraverso un’alimentazione mirata al loro recupero.


Interpretazione del mineralogramma sintomatico:

Se il quantitativo di minerali carenti è troppo alto (se si superano i 3 o al massimo 4) molto spesso la causa è di una tossilinfemia ovvero un eccesso di tossine nel corpo che creano a livello cellulare del materiale chelante che a sua volta impedisce la giusta assimilazione dal cibo e facilita la carenza. In questo caso, prima di iniziare qualsiasi recupero, occorre disintossicarsi attraverso l’utilizzo di depurativi o drenanti degli emuntori.

Attraverso questo test non si misura il quantitativo esatto dei minerali, ma solo la loro carenza.
Il pregio maggiore è che questo metodo dà una risposta immediata, gratuita e comunque molto significativa e attendibile.I risultati saranno visibili in basso dopo aver premuto invio.Consiglio la consultazione di questa GUIDA per conoscere la funzione dei minereli


IL MINERALOGRAMMA NON SOSTITUISCE L’INTERVENTO DIAGNOSTICO E TERAPEUTICO DEL MEDICO. SI INTENDE ESCLUSIVAMENTE COME METODO PER LA VALUTAZIONE DEGLI ASPETTI COSTITUZIONALI DELLA PERSONA