IL PRESENTE BLOG RIPORTA E SOPRATTUTTO TRADUCE INFORMAZIONI INTERNAZIONALI SULLA SALUTE E BENESSERE CON MEZZI E RIMEDI NATURALI E NON CONVENZIONALI, PRESE SOPRATTUTTO DALLA RETE E I CUI AUTORI SONO MEDICI E PROFESSIONISTI DELLA SALUTE E RICERCATORI. SEGNALA ALTRESI POLITICHE ... "NON PROPRIAMENTE SALUTISTICHE" NEI CONFRONTI DELLA RAZZA UMANA, CHE CI STA A CUORE, SEBBENE CONSAPEVOLI CHE NON SIA LA SOLA INTORNO A NOI. SONO SEMPRE CITATE LE FONTI A CUI SI PREGA DI FARE RIFERIMENTO PER ULTERIORI DETTAGLI. NON SI ACCETTANO COMMENTI VOLGARI, DIFFAMATORI E AMBIGUI. NON E' UNO SPAZIO PER LA DISINFORMAZIONE.

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

DISPOSITIVO QXCI: ANTISTRESS E RIEQUILIBRIO EMOZIONALE

DISPOSITIVO QXCI: ANTISTRESS E RIEQUILIBRIO EMOZIONALE
"Ho scoperto che l'inconscio dei pazienti, è un sistema molto profondo e intelligente, molto piu' intelligente delle mente verbale, che è come un bambino che cerca di comprendere le cose". dr Nelson

domenica 15 febbraio 2009

GLUTAMMATO MONOSODICO: CHE DANNO!!

Nei cibi conservati delle grande distribuzione è una presenza assidua, palese o occulta... si chiama "in gergo" E621 ma lo troviamo camuffato anche con altri nomi apparentemente più innocenti: “idrolizzato proteico”, “proteine vegetali”, “isolato proteico di soia”, “proteina concentrata di soia”, “aromi naturali”, “enzimi”, “autolisato di estratto di lievito” e “lievito”.

Nella sostanza non cambia la solfa: è un grave danno alla nostra salute e di lui si sospetta seriamente che tra i reali effetti collaterali ci siano anche malattie degenerative , cardiovascolari, disturbi del comportamento, diabete, glaucoma e… sovrappeso. Negli ultimi decenni è stato oggetto di molte ricerche dai risultati davvero sconcertanti, come ci ricorda il Dr Perugini Billi in una recente intervista su La Stampa:

“È noto ormai da 50 anni che per provocare un rapido soprappeso in un animale basta creare danni puntiformi nell’ipotalamo. Il glutammato è in grado di fare la stessa cosa. Il problema è che gli esseri umani sono 5 volte più sensibili alla tossicità del glutammato del più sensibile degli animali da laboratorio e i lattanti sono 4 volte più sensibili degli adulti. Secondo alcuni esperti, è la precoce esposizione al glutammato una della cause dell’aumento di obesità tra le nuove generazioni.

Nel 1957 alcuni ricercatori stavano cercando di capire se un amminoacido molto comune nel nostro corpo, l’acido glutammico, era in grado di riparare i danni retinici. Nutrirono dei topi con questo amminoacido, nella particolare forma di glutammato monosodico (MSG). Quello che scoprirono fu scioccante. Tutte le cellule della retina erano state letteralmente spazzate via, semplicemente non c’erano più.
Circa 10 anni più tardi il Dr John Olney, neuroscienziato e ricercatore americano, decise di utilizzare questo sistema di distruzione della retina per studiare le connessioni tra visione e cervello. Scoprì che il MSG non solo danneggiava la retina, ma anche alcune aree specifiche del cervello, principalmente l’ipotalamo.
Inoltre, scoprì che provocava una sovreccitazione dei neuroni talmente forte che alla fine queste cellule morivano. Chiamò questo fenomeno “eccitotossicità.
Da allora sono stati condotti numerosi studi e oggi sappiamo che l’acido glutammico è uno dei più comuni neurotrasmettitori presenti nel cervello e che influenza funzioni come l’ attenzione, l’apprendimento, la memoria, il controllo del sistema endocrino e l’emozioni.

Questo amminoacido tuttavia non distrugge le cellule nervose, perché un sistema di controllo tiene entro certi limiti i suoi livelli nel cervello. La stessa cosa però non avviene con il MSG, che è libero di provocare danni cellulari anche gravi.
Si sospetta infatti che il consumo di questa sostanza sia associato ad alcune malattie degenerative del sistema nervoso (Alzheimer, Parkinson, neuropatie, schizofrenia, depressione, disturbi del comportamento e dell’apprendimento, autismo ecc.), al diabete, alle malattie cardiovascolari, al glaucoma e alla degenerazione maculare".

Dunque OCCHIO ALLE ETICHETTE nel fare la spesa!

15 commenti:

A̘͔̳ͩͭ́͑̽ͪ̉ǹ̖̪̩̯̲̋̽̾ͅo͔̯̙͆ͅń͕͎̫͙̆͂̈͗̽i̪̦̣̞̮̥̹ͦ͐ͪ̚m͚̙̤̝̞̥̌̌̃͌õ̜̜̤̣͊u͊͐ͬ̏͛̀s͍ͬ͛ͤ͒ ha detto...

Scusa ma allora perché i giappnesi che sono i più grandi consumatori di gluttammato monosodico non sono tutti morti e anzi i loro anziani stanno mediamente meglio degli occidentali ?

macri ha detto...

In Giappone, l'Alzheimer sta diventando la causa più comune di demenza (il 50% dei casi), per le altre malattie neurologiche, pediatriche comprese, non saprei, ma mi è diffiicle credere che siano messi meglio degli altri.

http://www.blessedquietness.com/Journal/theworld/msg.htm

kangar ha detto...

Secondo me notizie false e tendenziose come questa dovrebbero essere rimosse. Per una corretta informazione vedi http://www.eufic.org/article/it/salute-e-stile-di-vita/allergia-intolleranza-alimentare/artid/glutammato-monosodico/

macri ha detto...

@KANGAR
Io non tolgo proprio niente e gardati cosa ne pensa uno dei maggiori commentatori medici americani sul tema:
http://search.mercola.com/results.aspx?k=glutamate

cristina.ferrian ha detto...

@kangar
non so cosa intendi tu per "corretta", ma hai dato un'occhiatina a CHI E' eufic.org??
"EUFIC è sostenuto da aziende dell'industria europea degli alimenti e delle bevande[...] è diretta da un consiglio d'amministrazione eletto dalle società che ne fanno parte. Attualmente sono membri di EUFIC: Barilla, Cargill, Cereal Partners, Coca-Cola HBC, Coca-Cola, Danone, DSM Nutritional Products Europe Ltd., Ferrero, Kraft Foods, Louis Bonduelle Foundation, McCormick Foods, Mars, McDonald's, Nestlé, Novozymes, PepsiCo, Pfizer Animal Health, Südzucker, e Unilever."
Pensi che potrebbe essere nell'interesse di queste multinazionali asserire che quello che mettono dentro ai loro prodotti fa male?
Comunque, se vuoi dare un'occhiatina a qualcosa di più "imparziale" puoi leggere questo servizio di Report... http://www.report.rai.it/R2_popup_articolofoglia/0,7246,243%255E90036,00.html

cristina.ferrian ha detto...

@kangar
non so cosa intendi tu per "corretta", ma hai dato un'occhiatina a CHI E' eufic.org??
"EUFIC è sostenuto da aziende dell'industria europea degli alimenti e delle bevande[...] è diretta da un consiglio d'amministrazione eletto dalle società che ne fanno parte. Attualmente sono membri di EUFIC: Barilla, Cargill, Cereal Partners, Coca-Cola HBC, Coca-Cola, Danone, DSM Nutritional Products Europe Ltd., Ferrero, Kraft Foods, Louis Bonduelle Foundation, McCormick Foods, Mars, McDonald's, Nestlé, Novozymes, PepsiCo, Pfizer Animal Health, Südzucker, e Unilever."
Pensi che potrebbe essere nell'interesse di queste multinazionali asserire che quello che mettono dentro ai loro prodotti fa male?
Comunque, se vuoi dare un'occhiatina a qualcosa di più "imparziale" puoi leggere questo servizio di Report... http://www.report.rai.it/R2_popup_articolofoglia/0,7246,243%255E90036,00.html

Samuel ha detto...

purtroppo non si capisce piu niente, per scopo di lucro ci danno da mangiare immondizia PER SCOPO DI LUCRO, questa è una delle tante... pensiamo ad esempio ai conservanti e a tutti gli altri additivi chimici...io credo che tutto ciò faccia male al nostro organismo si viveva meglio 100 anni fa quando si mangiava zuppa di patate appena raccolte non siete d'accordo?

stelashehu ha detto...

poi come si puo fare per evitarlo visto che ci sono quasi tutti i cibi che lo contengono?????????????

piccoLINA ha detto...

Mi piace questo blog! Sono Paola e sono una foodblogger, appassionata di cucina ma soprattutto buon cibo!Sono arrivata qui tramite una ricerca sul glutammato in seguito a una discussione con una foodblogger che lo sponsorizza caldamente. Ho due bimbi e quindi faccio molta attenzione a quello che mangiano, quindi per rispondere alla domanda di stelashehu, l'unico modo per evitare il piu' possibile il glutammato e' quello di prepararsi con le proprie mani tutto quel che e' possibile fare, iniziando magari dai dadi che si possono fare tranquillamente a casa, con materie prime scelte da noi. Se interessano alcune ricette passte sul mio blog: http://lacucinapiccolina.blogspot.com

Saluti a tutti
Paola

simona ha detto...

vorrei rispondere a tutti. i giapponesi sono anche i maggiori consumatori di carne di delfini inquinata dal mercurio per cui (e se lo meritano)sono anche quelle le cause di demenza e malattie neurologiche,di cui parla macri. e comunque il glutammato monosodico e' presente nelle merendine per bambini, nelle patatine ,negli aperitivi e in molte altri prodotti ma non ce lo dicono ...tutto tace e' orribile. vi invito anche a pensare alle scie chimiche che ci avvelenano piano piano

Lela ha detto...

quindi si dovrebbe diffidare di tutti i cibi fra i quali ingredienti è citato il lievito o a volte "lievito" sta effettivamente per "lievito"?

Faban ha detto...

Mi sono imbattuto nell'argomento MSG per caso, un mio collega di lavoro mi ha indicato un film documentario che ne parla, si chiama "The beautiful Truth", purtroppo è in inglese e non so se esista una versione in italiano, è agghiacciante quello che rivela sull'ingegneria alimentare a sui danni provocati dall'MSG e da altre sostanze simili, purtroppo è tutto vero ma per fortuna spiega anche come fare ad evitarle. Tutte le agenzie per l'alimentazione, EUFIC compresa, ricevono finanziamenti dalle multinazionali dell'ingegneria alimentare, tipo Dupont e Bayer, per condurre studi scientifici ad hoc allo scopo di rassicurare e difinformare. Questa purtroppo è la triste realtà.

Anonimo ha detto...

Il centro anti-tumori di Aviano (pordenone) ha stilato una lista di molti additivi per alimenti tra inoffensivi, sospetti, tossici.. il glutammato monosodico o E330 e' il piu' pericoloso!!! quindi prima di acquistare prodotti confezionati controllate che non ci siano E330-E120-E102-E110-E123/4/7-E220/1-E230/9-E250/1/2-E311/2-E320/1-E407-E450!! Sono tutti tossici!!!! Per chi ha bambini attenzione a merendine, biscotti, pasta confezionata (gnocchi) ecc.. consumiamo il piu' possibile prodotti freschi o meglio ancora fatti in casa!!!

Anonimo ha detto...

@Anonimo
Quella dell'E330 è una bufala che gira dal 1976. Se cercate su Google, scoprirete che l'E330 è acido citrico (succo di limone, fra gli altri). Va bene cercare di non farsi fregare, ma fatelo con gli occhi aperti..

Cristina Bassi ha detto...

per il commento di anonimo sull'E330, non ho tempo di tradurre ma si legga anche questo contributo da
http://www.traditionaloven.com/articles/wp-content/uploads/list_of_food_additives.pdf

PS: questo post sul glutammato è quello piu' letto e bersagliato da... "anonimi oppositori alla tesi proposta". Curioso

How about the Citric Acid E330 or 330? No problem with naturally occurring citric acid.

Artificially produced E330 or 330 additive, depending on where or how it is produced with using sulfuric acid, many believe the product might still contain mold and sulfur/sulfites not filtered out completely during the production (Sulfur dioxide and other sulfites (also referred to as sulphites) are among food additives in the list below, under H – A, causing asthmatic and allergic reactions.)

For most people sulfites are safe, but for example sensitive aspirin allergies or asthma sufferers can react very severely to sulfites.

In the year 1953 Sir Hans Krebs received Nobel Prize for physiology medicine for discovering that the Citric acid in metabolic reactions acts as part in series of compounds occurring within physiological oxidation of proteins, carbohydrates and fats and turning them into water and Carbon dioxide.

Called Tricarboxylic Acid Cycle or known as the Krebs Cycle which is involved in most metabolic reactions, where the Citric acid plays a major role.

* The world “krebs” translates to English word “cancer” … and that’s what created the misunderstanding that citric acid 330 – e330 causes cancer.

But in fact it does not. However, it could melt your teeth if you kept it in your mouth for long or if you consumed soft drinks a lot.

It is organic acid used as additive in foods, in soft drinks, in beer, wine or cheese production, citric acid prevents bacteria growth, it gives the citric/sour flavour, bakers use it, citric acid E330 or 330 is often added to cakes, biscuits, soups, all sorts of sauces, frozen packed and canned food products, sweets, marmalade’s, ice creams …