IL PRESENTE BLOG RIPORTA E SOPRATTUTTO TRADUCE INFORMAZIONI INTERNAZIONALI SULLA SALUTE E BENESSERE CON MEZZI E RIMEDI NATURALI E NON CONVENZIONALI, PRESE SOPRATTUTTO DALLA RETE E I CUI AUTORI SONO MEDICI E PROFESSIONISTI DELLA SALUTE E RICERCATORI. SEGNALA ALTRESI POLITICHE ... "NON PROPRIAMENTE SALUTISTICHE" NEI CONFRONTI DELLA RAZZA UMANA, CHE CI STA A CUORE, SEBBENE CONSAPEVOLI CHE NON SIA LA SOLA INTORNO A NOI. SONO SEMPRE CITATE LE FONTI A CUI SI PREGA DI FARE RIFERIMENTO PER ULTERIORI DETTAGLI. NON SI ACCETTANO COMMENTI VOLGARI, DIFFAMATORI E AMBIGUI. NON E' UNO SPAZIO PER LA DISINFORMAZIONE.

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

QXCI-SCIO: FREQUENZE PER IL RIEQUILIBRIO ENERGETICO CORPO-MENTE E ANTISTRESS

QXCI-SCIO: FREQUENZE PER IL RIEQUILIBRIO ENERGETICO CORPO-MENTE E ANTISTRESS
"Ho scoperto che l'inconscio dei pazienti, è un sistema molto profondo e intelligente, molto piu' intelligente delle mente verbale, che è come un bambino che cerca di comprendere le cose". dr Nelson

lunedì 29 dicembre 2008

L’eroica battaglia dei valori (clinici)

Trattatello di controinformazione sul terrore procurato ai reduci delle mangiate natalizie dai referti medici zeppi di numeri misteriosi, ma anche variabili dall’oggi al domani e da laboratorio a laboratorio .

Se dopo le mangiate natalizie vi sentite in colpa per i vostri valori (in senso medico) e vi sottoponete a un test diagnostico, il responso vi arriverà sotto forma di “referto”. Il referto riporta, accanto al nome dell’esame, l’intervallo dei “valori normali” (altrimenti detti “di riferimento”): quelli che delimitano una del tutto presunta normalità che viene invece presentata senza sfumature di sorta come una normalità apodittica, indiscutibile.

Se avete la fortuna di rientrarci, bene, in caso contrario non va bene per niente. Magari non rientrate in quell’intervallo per poco, magari sfiorate il minimo o il massimo, rassegnatevi, un maligno asterisco, accanto al valore, segnalerà implacabile questa vostra scomoda posizione, questo “fatto”. Che c’è, in effetti, di più chiaro e imparziale dei valori normali? Emoglobina e transaminasi, globuli bianchi e piastrine, colesterolo e gammaglobuline, urea e pressione arteriosa e via e via.

I test o esami diagnostici, o almeno, tra questi, le analisi chimico-cliniche (del sangue, delle urine, delle feci, dello sperma), si traducono inesorabilmente in valori che assumono il loro precipuo significato in quanto rientrano o debordano da quelli normali.
Ma il fatto rappresentato dai valori normali non è così “fattuale” quando si tratta di capire come sono stabiliti, chi li stabilisce, come cambiano e in base a cosa cambiano.

A questo proposito, anzi, un fitto mistero circonda i valori normali. Il “fatto”, semplicemente, evapora. Se provate a domandarne qualcosa al vostro medico di fiducia vi sentirete con ogni probabilità rispondere del tutto evasivamente. Forse vi rimanderà a una lontana, vaga, mitica “letteratura”. Sembra di capire che non ci sia una qualche autorità riconosciuta, ovviamente sanitaria, che stabilisce quali sono a un dato momento i valori normali per questo, quello o il tal’altro esame. Sarà così? Vediamo.

Se digitate “valori normali” su Internet servendovi di Google, la prima voce che otterrete è “valori normali in laboratorio”. E giù una sfilza di qualche centinaio di esami, ognuno dei quali accompagnato dal suo proprio intervallo di normalità o, se l’esame non si presta a ciò, con dicotomie del tipo presente/assente.

Sul sito mammaepapa.it un pediatra rispondendo a un genitore in pena afferma che: “Oggi si utilizzano dei valori di riferimento per la glicemia uguali per adulti e bambini”. Seguono valori. Da sottolineare, della risposta, due elementi.
Il primo: i valori di riferimento uguali per adulti e bambini. Formidabile, se ci pensate, è un po’ come dire che il metabolismo non invecchia né si modifica, e che gli organi continuano indisturbati a prestare la propria opera senza perdere colpi, efficienza, funzionalità.

La medicina – ovvio – la pensa esattamente all’opposto, ma quando si riferisce ai valori normali non fa quasi mai distinzione tra bambini adulti e anziani, così da poter fissare valori soglia tanto bassi da includere nella non normalità un bel po’ di persone che, se valutate in rapporto all’età, avrebbero valori del tutto normali.

Il secondo elemento meritevole di considerazione è la precisazione iniziale: “Oggi”. Oggi, dice il pediatra, si usano certi valori di riferimento: una precisazione che sta a indicare che quei valori erano diversi ieri e lo saranno domani. Ma il pediatra non si sogna di specificare, ed è probabile che non lo sappia, perché quei valori cambiano e chi decide in questo senso. Né si può dargli del tutto torto, giacché occorrono delle vere e proprie istruzioni per l’uso per potere anche soltanto accedere all’esoterico mondo dei valori normali.

Prendiamo un libro che contiene queste istruzioni: Valori normali in Medicina” di M. Jakob, Cic edizioni internazionali. Ed ecco le parole con cui viene reclamizzato: “Questo libretto tascabile rappresenta un vademecum utile nella pratica clinica quotidiana. Per renderlo ulteriormente maneggevole abbiamo intenzionalmente omesso la spiegazione minuziosa dei parametri forniti (…). Si rammenti che i valori di riferimento non rappresentano valori assoluti, ma subiscono oscillazioni e variazioni determinate da molteplici fattori: l’uso di reagenti o apparecchiature diverse, ad esempio (…) Non si trascuri mai, quindi, di confrontare i valori normali con quelli in uso presso il laboratorio interno della propria struttura. I progressi della medicina (…) porteranno inevitabilmente ad un aumento del numero dei parametri in uso”.

Fermiamoci qui. Ancora una volta, della genesi di questi valori non è fatto parola, cosicché essi appaiono sempre più misteriosi, arcani, astratti. Non solo, ma la loro spiegazione è “intenzionalmente omessa”, ovviamente “per rendere il libretto maneggevole”.

Non bastasse, si aggiunge che questi valori possono variare da laboratorio a laboratorio. Ma che universo è mai questo dei valori normali, viene da chiedersi? In continuo sobollimento (oggi i valori sono questi, domani si vedrà), senza sapere da cosa deriva questa effervescenza, chi la determina, controlla, impone; già affollato all’inverosimile, eppure niente in confronto a quello che ci aspetta con la moltiplicazione, data per scontata, di test ed esami; ricalibrato localmente in base a reagenti e macchinari che, par di capire, potrebbero sconvolgerne i valori se, come si afferma, non si deve “trascurare mai di confrontare i valori normali con quelli in uso presso il laboratorio interno della propria struttura”.

Ma si può almeno sperare in valori normali di base, per così dire, che prima di venire ricalibrati localmente sono, almeno quelli, uguali per tutti? Scordatevelo.

Prendiamo i primi due siti che su Internet (motore Google) riportano i valori normali degli esami (analisi) chimico-clinici:
- Sito (1) – carloanibaldi.com. Descrizione: Medicina on line. Specificazione: sito certificato da Geneve University Faculty of Medicine;
- Sito (2) – farmacia.it. Descrizione: La via più breve per entrare in farmacia. E prendiamo alcuni esami molto conosciuti. Ecco i risultati.I valori normali di questi come di altri esami non sono uguali nei due siti. Vero che il medico (e il paziente con lui) che avesse richiesto questi esami non avrebbe l’imbarazzo della scelta perché il laboratorio che li esegue riporta una sola serie di valori normali.

Ma proprio qui sta l’arcano: che razza di normalità è quella che può variare con una tale leggerezza dell’essere? E che se è normalità da una parte non lo è dall’altra, e viceversa? E che, conseguentemente, per quel tipo di esami, identifica al tempo stesso un paziente normale e non normale a seconda di quali valori si considerano, tutti normali in sé ma diversi tra di loro e dunque non normali gli uni rispetto agli altri? Che normalità è mai questa? (E meno ancora riferimento, ma riferimento di che?).

Con l’acido folico a 19, quello urico a 8, il colesterolo HDL a 78 e la creatinina a 1,4 il tizio in (1) sarà assediato dalle medicine e dall’ordine tassativo di controllarsi a scadenze periodiche fino a quando quei valori non saranno rientrati nella norma, se mai ci rientreranno.

Con quegli stessi valori un tizio in (2) verrà mandato assolto da ogni obbligo: che se la spassi.

Domanda finale: ma a voi sembra una cosa così rigorosa, scientifica, seria, e dunque da prendersi così sul serio, questa dei valori normali? Vi saltasse in testa di rispondere di sì, aspettate di finire di leggere.

In un lavoro sull’infertilità dell’Istituto superiore di Sanità troviamo un’appendice dal titolo “I valori di riferimento del liquido seminale”.
E leggiamo in proposito che: “In questo contesto i seguenti intervalli di riferimento vengono proposti sulla base dell’esperienza clinica di molti ricercatori che hanno studiato popolazioni di uomini sani e fertili. Dal momento che questi valori non rappresentano i requisiti minimi seminali per ottenere una gravidanza (…) anche uomini con parametri seminali inferiori a quelli riportati in questo manuale possono essere fertili”.

Dal che finalmente si deduce che: punto primo, ognuno si stabilisce i valori normali che vuole (“in base all’esperienza clinica di molti ricercatori” vuol dire né più né meno questo); punto secondo, una volta stabiliti non significano in sé praticamente nulla. Chiaro il concetto?

di Roberto Volpi, da: http://www.ilfoglio.it/ 28 dicembre 2008

martedì 23 dicembre 2008

L'ACQUA IN BOTTIGLIA E IL MITO DEI SALI MINERALI....


L'acqua è la bevanda più sana e migliore per la salute ed il benessere dell'organismo. L’ acqua è l’ elemento migliore per reintegrare i liquidi che fisiologicamente vengono persi attraverso i processi metabolici, la sudorazione e l’ urina.

La pubblicità ci martella. Bevete Uliveto l’ acqua della salute, Sangemini, Rocchetta, e mille altre marche . Ma sarà proprio vero ?

L' acqua è la bevanda più sana e migliore per la salute ed il benessere dell'organismo. Non sono certo la cocacola o la fanta a disssetarci !
L’ acqua è l’ elemento migliore per reintegrare i liquidi che fisiologicamente vengono persi attraverso i processi metabolici, la sudorazione e l’ urina. Ma parliamo di liquidi, non di Sali minerali !

Ma quale acqua è la migliore da bere ?

In questo articolo , dedicheremo la nostra attenzione sulle acque comunemente in commercio, che noi conosciamo come acque in bottiglia.
La nostra attenzione non sarà dedicata al loro sapore o al loro gusto, ma solo al loro contenuto di Sali minerali. Il gusto è soggettivo e pertanto è variabile da soggetto a soggetto.
Le proprietà dell’ acqua no: sono costanti e indicate in etichetta.
Le indicazioni sono così tante che è veramente difficile capire cosa stiamo bevendo.


Sfatiamo il mito dell’ utilità dei Sali minerali contenuti nell’ acqua !

Tutti i Sali Minerali , fondamentali al pari delle vitamine per il nostro metabolismo, sono Sali Minerali organici . i Sali minerali organici, sono biodisponibili e utilizzabili dal nostro organismo. ( es: Germanio )
I Sali minerali contenuti nell’ acqua sono Sali minerali inorganici. Immaginate di ingerire polvere di ferro per aumentare il livello ematico di ferro o di magiare polvere di pietra calcarea per aumentare il livello di calcio e curare l’ osteoporosi !!

Esiste una sola acqua che fa veramente bene alla salute: è quella con residuo fisso inferiore a 50 mg litro.
Maggiore è il residuo fisso è maggiore è la difficoltà che i nostri reni dovranno fare per filtrarla !

Se bevete acqua con molti Sali minerali, danneggiate il vostro corpo, favorendo calcoli renali, depositi a livello dei vasi sanguigni e a livello del cervello. Favorite l’ invecchiamento precoce


Focus :Residuo fisso dell’ acqua minerale. Come proteggersi !

Non tutte le acque minerali sono uguali: ognuna ha caratteristiche specifiche che dipendono dal tipo di sali in essa sono disciolti.

Le acque, scorrendo nel sottosuolo, raccolgono i Sali minerali presenti nelle rocce. In base al tipo di minerali in esse disciolti, indicati come "residuo fisso" (cioè la quantità di sali minerali depositati da un litro di acqua fatto evaporare a 180°. Le acque minerali vengono classificate in base al residuo fisso:

1. Minimamente mineralizzate: hanno un contenuto di sali minerali inferiore a 50 milligrammi per litro; si tratta di acque "leggere" che in quanto povere di sali minerali favoriscono la diuresi e facilitano l'espulsione di piccoli calcoli renali.
In virtù dei pochi sali minerali , sono ottime acque da tavola, adatte ad essere bevute quotidianamente.
2. Oligominerali: hanno un contenuto di sali minerali non superiore ai 500 milligrammi per litro. Sono le più comuni.
3. Minerali: il residuo fisso è compreso tra 500 e 1000 milligrammi (1 g) per litro. Contengono una percentuale consistente di sali minerali e pertanto non devono essere bevute in quantità eccessive (fino a un litro al giorno), alternandole con acqua oligominerale. Hanno applicazioni diverse a seconda del tipo di sostanze in esse presenti (calcio, zolfo, ferro, magnesio, bicarbonato...).

4. Ricche di sali minerali: il residuo fisso è di oltre 1500 milligrammi per litro. Sono molto ricche di sali, pertanto devono essere bevute specificamente a scopo curativo e su consiglio medico.


domenica 14 dicembre 2008

IL CORPO FISICO:Insegnamenti a confronto


Nelle sue letture di Edgar Cayce (i numeri dopo le citazioni si riferiscono alle letture di Cayce, cosi come archiviate dall’ARE/USA e riportate da http://www.edgarcayce.it/ ) ci dice che:

” La mente è il costruttore. Il corpo fisico, il risultato”. 3359-1

All'interno del corpo umano - vivente e non morto, con le forze umane viventi- troviamo ogni elemento, ogni gas, ogni minerale, ogni influenza che si trova al di fuori dell'organismo stesso. Poichè in effetti è tutt'uno con il tutto” 470-22

Peter Deunov:
Il corpo è un argomento interessante da studiare. E’ un universo in miniatura nel quale avvengono molti cambiamenti. Il corpo umano è una sintesi di tutti i processi in Natura. Se conosci il tuo corpo, conosci i mondi visibili ed invisibili. Se conosci l’ambiente circostante, comprendi tutto l’universo”.(da: The Three Tendencies, 1948, trad C. Bassi)

Cayce sottolinea che il corpo fisico va trattato e nutrito con sostanze che gli corrispondono su questo stesso piano:

“Il corpo trova che, mentre i valori di pensiero spirituale e di cibo spirituale forniscono essenzialmente gli elementi ad un corpo fisico, sul piano materiale è altresì necessario che si assumano dei valori nutritivi materiali per sostenere non soltanto le tue forze fisiche, ma anche gli elementi spirituali; per tenerli in contatto o paralleli l’uno all’altro”. 516-4

E ancora ammonisce: “(…)Non trattare le condizioni fisiche interamente attraverso le leggi spirituali o mentali aspettandoti che queste rispondano come una cosa sola”. 4580-1

A tal proposito Aivanhov:

"Qualunque sia il vostro ideale, non dimenticate che voi fate parte del mondo fisico. Ebbene, il piano fisico oppone resistenza, non si sottomette tanto facilmente, e capisce soltanto la forza fisica. Ecco il suo ragionamento: «Voi dite cose molto giuste sulla potenza dello spirito, ma tutto ciò non riguarda il mio mondo. Solo le potenze della materia possono imporsi a me». Si è costretti ad ammetterlo: il piano fisico conosce e riconosce soltanto il nostro corpo fisico, vale a dire ciò che possiamo fare con i muscoli delle nostre braccia e delle nostre gambe, oppure con degli utensili e degli apparecchi; le nostre facoltà psichiche e spirituali non lo impressionano. Perciò, quell'affermazione, secondo la quale è possibile liberarsi dalle leggi della materia per vivere sotto le leggi dello spirito, dobbiamo riuscire a conciliarla con le realtà del piano fisico, perché i due - lo spirito e la materia - coesistono. " Omraam Mikhaël Aïvanhov, Pensieri Quotidiani 2007, ed Prosveta

Il corpo è anche il prodotto del karma, la legge di causa/effetto:

“Ogni individuo nelle sue manifestazioni sulla terra porta nella sua espressione fisica i segni di ciò che è stato o può essere definito come un’espressione di uno sviluppo nell’anima e nelle forze spirituali. E.Cayce, 1165-1

Ma vediamo sul tema una nota di OM Aivanhov:

“L'incarnazione è una lenta discesa nella materia, nel corso della quale il nostro spirito prende da ciascuna regione dell'Universo gli elementi che costituiranno i suoi vari corpi: il corpo atmico, buddico, causale, mentale, astrale e infine il corpo fisico.

Una volta incarnati nel corpo fisico, non ci si ricorda più delle regioni che abbiamo attraversato, né delle esperienze e delle scoperte che abbiamo fatto.

Ma tutto questo è inscritto dentro di noi.

E ora, coloro che vogliono ritrovare quelle conoscenze raggiungendo quella memoria millenaria, devono vivere secondo le regole della Scienza iniziatica e dunque sottomettersi a certe regole e a certe pratiche insegnate dai grandi Maestri dell'umanità.

È così che riusciranno a far riemergere dalla profondità del proprio essere tutto quello che essi hanno vissuto e conosciuto nelle regioni sottili.

Quanto a coloro che non fanno alcuno sforzo, la loro capacità di ricordare verrà rimandata a più tardi, non si sa a quando...

E nell'attesa, essi continueranno a porsi le stesse domande sul senso dell'esistenza."Mikhaël Aïvanhov, Pensieri Quotidiani 2006, ed Prosveta

Peter Deunov, nella sua veste di Maestro dello Spirito, con il nome di Beinsa Deuno, ci dice:

Mentre è sulla Terra, l’uomo lavora soprattutto con il corpo fisico, lo strumento più appropriato sulla Terra. Tuttavia questo essere umano pensa, sente, cerca la causa e l’effetto di tutte le cose. Con cosa pensa l’uomo? Con il suo corpo mentale. Con cosa sente l’uomo? Con il suo corpo astrale.

Con cosa cerca la causa e l’effetto? Con il suo corpo causale. Poiché il corpo fisico non è sviluppato in modo uniforme in tutte le persone, allo stesso modo gli altri corpi non sono sviluppati in modo omogeneo.

Questo significa che l’essere umano deve affrontare un grande e grande lavoro: sviluppare tutti i suoi organi alla perfezione”.

(da: Divine Conditions, 1942, trad C. Bassi)

E ancora:
Quando gli esseri umani svilupperanno il loro sesto senso, vedranno uno strato coprente intorno al corpo umano. Se ha questo strato coprente, l’essere umano è in buona salute, perché esso regola il calore del suo organismo.

A cause di cattive condizioni di vita, però, accade a volte che questo strato magnetico coprente attorno al corpo umano, venga strappato. Così influenze esterne lo penetrano, causando molti disturbi.

Questo “abito” magnetico circonda lo stomaco, i polmoni, e tutti gli organi interni e soprattutto le sue cellule”(da: The Righteous One, 1930, trad. C. Bassi)

IL METODO DI BELLA: censure e intimidazioni verso i medici


Una decina di anni fa, ebbi la fortuna di essere invitata ad una confernza del Prof Di Bella a Bologna. Era piena estate. Eravamo in questo salone affollatissimo, dai finestroni aperti e tutti noi eravamo più o meno boccheggianti per la calura.
Date le amicizie di allora avevo avuto la possibilità di sedere in primissime file e quindi di osservare quest'uomo, credo già allora ultraottantenne, che sempre in piedi, senza dar segno di alcun cedimento nemmeno per allentarsi la cravatta, senza avere per le mani uno stralcio di programma per la conferenza, ci intratenne a lungo con una lucidità estrema.
Non essendo medico (ma nememno solo tra i "giornalisticamente curiosi"), non potevo apprezzare o questionare i contenuti "scientifici" e tecnici della sua relazione, cosi mi misi semplicemente in ascolto dell'essere umano davanti a me.
E fu una bella scelta, perchè mi rimase in memoria...
Pensai che per essere arrivato a quella età, dentro quella bagarre mediata già vergognosa allora
- ma credo l' apice fu raggiunto poi- doveva avere avuto un grande tempra, una solidità interiore veramente apprezzabile. Fui felice di essere stata li, semplicemente per avere avuto testimonianza di come "anche" si può essere, di come "anche" si può spendere la propria vita, onorandole il significato.
Il discredito e il boicottaggio a cui fu poi sottoposto...per la squallida legge "del mercato della malattia e del farmaco", sono la paradossale conferma che la sua ricerca ha sostanza e che per questo meglio metterla a tacere, con qualsiasi mezzo. Un repetita della storia...
Dal sito a lui dedicato:
Più ampie e documentate sono le conferme scientifiche della terapia Di Bella, maggiori sono le censure e le intimidazioni verso i medici che la praticano o l’approvano.

E’ stata messa in atto sia la disinformazione, che un ermetico blocco dell’informazione sulle evidenze scientifiche e conferme cliniche del MDB (metodo Di Bella), censurando queste inquietanti verità che, se conosciute, potrebbero innescare imprevedibili e gravi reazioni.

”Per oltre quaranta anni ho seguito le ricerche di mio padre, il professor Luigi Di Bella, l’evoluzione del suo pensiero scientifico, la sua esperienza clinico - diagnostica, gli effetti terapeutici, le vessazioni, i contrasti, le umiliazioni che hanno contraddistinto la sua lunga attività di docente universitario, di medico.
(…) Il MDB realizza l'integrazione razionale di tutte le conoscenze mediche definitivamente acquisite, e delle evidenze scientifiche, con una clinica affrancata da inquinamenti politico-finanziari.Chi ricerca la verità legga il Vangelo, sintesi di verità e di vita.
Nel Vangelo di Luca 11,32- 12,4 troverà la chiave di lettura autentica e profonda della vicenda Di Bella:
«Guai a voi farisei» (...) «Guai a voi dottori della legge, che avete tolto la chiave della scienza, voi non siete entrati, e a quelli che volevano entrare l'avete impedito».
Chi vuole intendere intenda.Il MDB è sintesi della scienza con il profondo senso cristiano della carità e della sacralità della vita,è la partecipazione intima, sentita e trasmessa al dramma della sofferenza umana e della morte.
E' la sublimazione dell'etica e dell'arte medica ad esclusivo umile e disinteressato servizio dell'uomo, segue la Via e la Verità che porta alla Vita."
Giuseppe Di Bella
–per leggere l'articolo collegato

Fonte: